SPEDIZIONE GRATUITA IN ITALIA
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Virna Lisi, 1961

54,00
Dimensione

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello

• Reso GRATUITO entro 15 giorni
• Certificato di autenticità

• Non incorniciato

Maggiori informazioni sulle stampe e i formati

Spedizioni a partire da € 20,00
Consegna prevista entro Venerdì 14/02

VIRNA LISI, 1961 (Agenzia Farabola).
Fotografia stampata dal negativo originale, in bianco e nero, su carta glicée fineart Hahnemüle Baryta Satin 300 gr. Edizione limitata e numerata con certificato di autenticità.

ROMA, DOMENICA 12 FEBBRAIO 1961. Virna Lisi (Virna Pieralisi, 24 anni) nel suo camerino durante la registrazione de “Il caso Maurizius”, sceneggiato per la Rai Tv in quattro puntate trasmesso dal 29 gennaio e tratto dal romanzo di Jacob Wasserman. L’attrice, nella parte dell’affascinante Anna Jahn, ha meravigliato probabilmente il pubblico comparendo in una veste per lei assolutamente nuova: non più la ragazza ingenua, sentimentale, quasi primaverile, che fino a oggi ha impressionato; ma un personaggio fortemente drammatico, dalle tinte quasi allucinanti. Le prove sono iniziate il 1 gennaio, e malgrado le frenesie notturne dopo la notte di Capodanno, la giornata festiva e la palese latitanza del protagonista, Alberto Lupo, gli altri interpreti si sono presentati alle dieci precise negli studi televisivi. Serissima sul lavoro, Virna Lisi, che dopo il suo matrimonio con l’architetto Franco Pesci annunciò più volte di voler abbandonare ogni attività artistica, è tornata non solo a recitare in TV, ma si accinge a interpretare un film di Mario Mattoli con Ugno Tognazzi, Totò, Vittoria Congia e Raimondo Vianello, dal titolo provvisorio “…E il ministro si fermò a mangiare” (diventato poi “….Sua Eccellenza si fermò a mangiare).