SPEDIZIONE GRATUITA IN ITALIA
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Gina Lollobrigida e Kirk Douglas, 1955

54,00
Dimensione

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello

• Reso GRATUITO entro 15 giorni
• Certificato di autenticità

• Non incorniciato

Maggiori informazioni sulle stampe e i formati

Spedizioni a partire da € 20,00
Consegna prevista entro Venerdì 14/02

GINA LOLLOBRIGIDA E KIRK DOUGLAS, 1955 (Agenzia Farabola).
Fotografia stampata dal negativo originale, in bianco e nero, su carta glicée fineart Hahnemüle Baryta Satin 300 gr. Edizione limitata e numerata con certificato di autenticità.

MONTE CARLO (PRINCIPATO DI MONACO), LUNEDì 15 AGOSTO 1955. Gina Lollobrigida e Kirk Douglas alla «Notte di agosto», il Galà benefico organizzato allo Sporting Club dalla Croce rossa monegasca. Decorato come una festa del XVII secolo, con pupazzi in grandezza naturale e costumi d’epoca posti su piedistalli fioriti fra cascate di luci e ruscelli di veli e di verde, l’ampio terrazzo ha fatto da cornice allo spettacolo di varietà presentato da Martine Carol e Kirk Douglas e con Gina Lollobrigida come «vedette». Corre voce a Monte Carlo che Martine Carol, per ragioni di rivalità, sia ostile alla Lollobrigida, ma Martine ha smentito stasera stessa: «La trovo deliziosa e mi è molto simpatica». Kirk Douglas, barba rossa da Van Gogh (sta girando “Brama di vivere”), ha esordito con sketches umoristici e dopo alcuni numeri ha introdotto Martine Carol, che a sua volta ha presentato la Lollobrigida come un «usignoletto»: e Gina, fasciata in un magnifico abito bianco ricamato a perline, con due alette d’argento in capo, è apparsa bellissima. Fino all’ultimo istante, vinta dal panico, si attaccava al braccio del marito dicendo: «Ho paura, mi pare di aver dimenticato tutto. Come farò, è già l’ora?». La prima canzone è stata «Amoureuse», un’aria francese del 1900, poi, in omaggio al pubblico inglese, la Lollobrigida ha intonato una melodia intitolata «I will never know». Infine si è cimentata in «Anema e core», provocando uno scroscio di applausi.